Assolegno risponde

Gli esperti al servizio del settore

    #Normativa   #Sismica   #Calcolo strutturale  

    Strutture a pareti portanti intelaiate: quali accorgimenti sono necessari in sede di progetto nel caso di progettazione sismica di un’opera in CD “A” o CD “B”?

    A cura di Mauro Andreolli, TimberTech

    Pubblicato il 03/01/2020

    Gli aspetti concettuali della progettazione sono illustrati dalle NTC 2018 al paragrafo 7.7.1: “Gli edifici sismoresistenti di legno devono essere progettati con una concezione strutturale in accordo a uno dei seguenti comportamenti, anche tenuto conto delle disposizioni di cui al § 7.7.7: a) comportamento strutturale dissipativo; b) comportamento strutturale non dissipativo. *Le strutture progettate secondo il comportamento strutturale dissipativo devono...

    #Sismica   #Tecniche costruttive   #Materiali da costruzione  

    Quali tipologie di pannelli di rivestimento si possono usare per le pareti portanti intelaiate in legno?

    A cura di Daniele Casagrande, Istituto per la Bioeconomica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR-IBE)

    Pubblicato il 07/04/2020

    La resistenza e la stabilità nei confronti delle azioni orizzontali delle pareti portanti intelaiate in legno sono garantite dai pannelli di rivestimento e dai collegamenti tra questi e il telaio (“sheathing-to-framing connections”), generalmente realizzati mediante connettori a gambo cilindrico (chiodi o cambrette) di piccolo diametro. Tali connettori sono disposti ad interasse costante lungo i bordi di ciascun pannello, garantendo un...

    #Connessioni   #Normativa   #Calcolo strutturale   #Sismica  

    Quali tipologie di chiodi si possono utilizzare nelle pareti in legno a telaio leggero?

    A cura di Matteo Izzi, Assolegno

    Pubblicato il 06/04/2020

    Le NTC 2018 non forniscono indicazioni specifiche sulle tipologie di connettori da utilizzare nella progettazione di pareti a telaio, pertanto è possibile adottare sia chiodi lisci (shooth shank nails) che profilati (ring shank nail). Tuttavia, il p.to §7.7.7.1 delle NTC 2018 (Regole di dettaglio - Disposizioni costruttive per i collegamenti) precisa che: *Il collegamento realizzato mediante spinotti o chiodi a...

    #Sismica  

    Quale fattore di struttura adottare per un edificio con pareti Thoma Holz?

    A cura di Maurizio Follesa, dedaLEGNO

    Pubblicato il 06/04/2020

    Gli edifici a pannelli di tavole a strati incrociati uniti con spinotti di legno prodotte dalla Thoma Holz e certificati mediante l’ETA-13/0785 non rientrano tra le tipologie strutturali a comportamento dissipativo elencate nella Tabella 7.3.II delle NTC 2018. Non sono assimilabili al sistema a “Pannelli di tavole incollate a strati incrociati …” (noti comunemente con gli acronimi XLAM o CLT)...

    #Normativa   #Sismica   #Calcolo strutturale  

    Qualora si adottino diaframmi chiodati, è necessario procedere ad una analisi di tipo non lineare per giustificare il fattore di comportamento adottato?

    A cura di Mauro Andreolli, TimberTech

    Pubblicato il 16/03/2020

    Al paragrafo C7.7.3 la Circolare riporta un chiarimento in merito alla corretta applicazione dei fattori di comportamento: “Nella Tab. 7.3.II delle NTC sono riportati i valori massimi del valore del fattore di comportamento per alcuni esempi di tipologie strutturali. Relativamente alle tipologie strutturali riportate nella Tabella 7.3.II delle NTC si precisa che con il termine diaframma si intendono solai e...

    #Normativa   #Sismica  

    Sto calcolando una capriata in legno. Per l'unione di carpenteria puntone-catena è fattibile dal punto di vista normativo e del calcolo un dente doppio e arretrato?

    A cura di Mauro Andreolli, TimberTech

    Pubblicato il 02/01/2020

    Può realizzare un giunto a dente doppio, prestando attenzione ad alcuni accorgimenti. Le verifiche di resistenza dei nodi di carpenteria sono governate, innanzitutto, dalle sollecitazioni di compressione trasmesse attraverso le superfici di contatto (indicate con le lettere b e c nella figura di seguito). Altra modalità di rottura da presidiare è la rottura a taglio del tallone della catena (indicata...

    #Sismica   #Tecniche costruttive  

    Nell'ipotesi di voler procedere ad un miglioramento sismico del solaio in legno di un sottotetto, e' percorribile l'utilizzo di profili angolari a L sull'estradosso, lungo tutto il perimetro rettangolare?

    A cura di Roberto Tomasi, Norwegian University of Life Sciences

    Pubblicato il 02/01/2020

    Tale soluzione e' percorribile a condizione che vi sia un adeguato collegamento con la muratura perimentrale: tale soluzione garantisce un effetto "cordolo tirante" che e' gia' stato dimostrato anche da studi sperimentali specifici. Risposta gentilmente concessa da promo_legno

    #Normativa   #Sismica  

    Nel caso di una tettoia le verifiche agli stati limite del danno vanno comunque considerate?

    A cura di Mauro Andreolli, TimberTech

    Pubblicato il 09/12/2019

    Le verifiche agli stati limite di danno servono ad evitare che l’azione sismica di progetto produca agli elementi costruttivi senza funzione strutturale danni tali da rendere la costruzione temporaneamente inagibile. Si procede quindi ad una limitazione degli spostamenti di interpiano. Nel caso di una tettoia isolata, priva di tamponamenti, personalmente procederei ugualmente al calcolo degli spostamenti per l'azione sismica SLD,...

    #Normativa   #Sismica   #Connessioni   #Calcolo strutturale  

    In una struttura platform frame cosa comporta ai fini strutturali un sovradimesionamento delle connessioni?

    A cura di Mauro Andreolli, TimberTech

    Pubblicato il 09/12/2019

    Le norme tecniche riportano alcune indicazioni in tal senso al punto 7.7.6: "Al fine di garantire lo sviluppo del comportamento ciclico dissipativo in corrispondenza delle zone assunte come dissipative, tutti gli altri elementi strutturali e/o connessioni devono essere progettati con adeguati valori di sovraresistenza, come indicato al punto 7.7.3. Tale requisito di sovraresistenza si applica, in particolare, a: *collegamenti...

    #Normativa   #Sismica  

    Quale fattore di struttura si deve utilizzare nel caso in cui una struttura in legno sia controventata con elementi in acciaio?

    A cura di Mauro Andreolli, TimberTech

    Pubblicato il 05/12/2019

    In accordo con il paragrafo 7.7.3 delle Norme Tecniche: "nel caso in cui il controventamento della struttura sia affidato a materiali diversi (calcestruzzo armato, acciaio), si deve fare riferimento ai pertinenti paragrafi del presente documento". Nella direzione ortogonale ai telai in legno si deve quindi far riferimento a quanto previsto al paragrafo 7.5.2.1 per le strutture con controventi concentrici a...

24 risultati (pagina 0 di 3)