Assolegno risponde

Gli esperti al servizio del settore

    #Normativa   #Specie legnose  

    Utilizzo strutturale di legno acetilato

    A cura di Marco Luchetti, Assolegno

    Pubblicato il 30/07/2020

    Il legno acetilato, è un particolare trattamento di carattere chimico che conferisce al materiale una migliorata durabilità, principalmente nei confronti di agenti fungini di degrado, e una più marcata stabilità meccanica. In senso generale la specie utilizzata ai fini della produzione di legno acetilato è il Pino Radiata (Pinus radiata D.Don). In relazione ad un impiego strutturale dello stesso legno...

    #Specie legnose   #Durabilità  

    Voglio realizzare un decking a bordo piscina. Il legno di castagno è adeguato? Cosa mi consigliate in alternativa?

    A cura di Massimo Del Senno, Esperto Tecnologia del Legno

    Pubblicato il 05/07/2020

    Il durame di castagno (Castanea sativa) è caratterizzato da resistenza agli attacchi di insetti (è l’unica specie nostrana resistente, sia pur moderatamente, alle termiti), ma se ne sconsiglia l’uso in ambiente umido, dato che è possibile che questo legno sia sede di discolorazioni dovute all’elevato contenuto di tannino, specie in presenza di sali e/o ossidi di ferro e possa determinare...

    #Specie legnose   #Durabilità  

    Per realizzare il rivestimento di una facciata in legno quale essenza legnosa mi consigliate?

    A cura di Massimo Del Senno, Esperto Tecnologia del Legno

    Pubblicato il 05/07/2020

    Classicamente, anche riferendosi alla tradizione dell’architettura vernacolare, la specie più largamente usata è il Larice. Va da sé che occorre utilizzare durame. A titolo informativo si allega una tabella comparativa tra il Larice ed altre specie di conifera.

    #Normativa   #Specie legnose   #Proprietà meccaniche   #Materiali da costruzione  

    E' possibile riutilizzare travi in massiccio di "recupero" per la realizzazione di una nuova copertura?

    A cura di Marco Luchetti, Assolegno

    Pubblicato il 24/06/2020

    In relazione al quesito posto si è espresso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici con parere n. 3/2012. A tal proposito il suddetto parere individua due casistiche di riferimento riportate sinteticamente di seguito: 1- Diagnosi in situ svolta tramite indagini condotte in accordo ai principi della UNI 11119 ("Beni culturali - Manufatti lignei - Strutture portanti degli edifici - Ispezione...

    #Normativa   #Specie legnose  

    Quale è l'attuale TLV per le polveri di legno duro?

    A cura di Marco Luchetti, Assolegno

    Pubblicato il 23/06/2020

    Il 9 giugno 2020 è stato pubblicato il decreto legislativo che recepisce la direttiva relativa alla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un'esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni durante il lavoro (Decreto Legislativo 1 giugno 2020, n. 44 - Gazzetta Ufficiale del 9 giugno 2020, n. 145). Il decreto modifica il Dlgs 81/2008 disponendo un abbassamento del limite...

    #Connessioni   #Specie legnose   #Calcolo strutturale  

    E' possibile utilizzare viti autoforanti nel legno di castagno?

    A cura di Andrea Bernasconi, heig-vd CH-Yverdon | Bolrini & Zanini SA | holztragwerke.ch

    Pubblicato il 04/05/2020

    Il legno massiccio di castagno ha prestazioni di resistenza e rigidezza simili a quelle del legno di conifera, malgrado si tratti di un legno di latifoglia con una densità decisamente più elevata. Con la classificazione per l'uso strutturale può essere impiegato nella classe D24 (UNI EN 338) con un valore caratteristici della resistenza a flessione di 28 N/mm2 e un...

    #Specie legnose   #Durabilità   #Materiali da costruzione  

    Cosa mi consigliate per la realizzazione del decking di un terrazzo esposto alle intemperie cosa mi consigliate?

    A cura di Massimo Del Senno, Esperto Tecnologia del Legno

    Pubblicato il 18/04/2020

    L’esempio più noto di trattamento termico è quello brevettato (Thermowood ®). A grandi linee consiste nel riscaldamento del materiale fino a: 190 °C (classe S come Stability) e 220 °C (classe D come durability). In estrema sintesi si può dire che il riscaldamento altera le proprietà del materiale (in particolare modificando lo stato cristallino di cellulosa e emicellulose) rendendolo meno...

    #Specie legnose  

    Ho diversi campi e stavo valutando di piantare Paulownia per ricavarne biomassa. Cosa ne pensate?

    A cura di Marco Luchetti, Assolegno

    Pubblicato il 07/04/2020

    In relazione alla Paulownia e ad un suo utilizzo per la produzione di biomassa, sebbene vi siano esperienze che vadano consolidandosi prevalentemente nel Nord Italia (la sua introduzione risale a circa 10 fa), è possibile affermare che ancora oggi un suo impiego sia in corso di validazione (allo stesso tempo è bene sottolineare le buone attitudini in termini di incrementi...

    #Specie legnose   #Durabilità  

    Protezione di pilastri in legno dall'attacco di tarli.

    A cura di Massimo Del Senno, Esperto Tecnologia del Legno

    Pubblicato il 02/01/2020

    L’apparire di fori di sfarfallamento (i “buchi”) evidenzia un’infestazione che era in corso da un tempo pari al ciclo vitale dell’organismo che li ha provocati che può essere identificato, in assenza di esemplari, tramite l’esame dei fori, considerandone il diametro, la forma (circolare o ellittica) e gli eventuali sfrangiamenti dei margini. Ciò premesso va sottolineato che le buone pratiche costruttive...

    #Specie legnose   #Durabilità  

    Macchie su un pavimento in Ipé

    A cura di Massimo Del Senno, Esperto Tecnologia del Legno

    Pubblicato il 02/01/2020

    Il legno di molte specie del genere Tabebuia, tra cui quelle commercialmente denominata Ipé (in Bolivia) è caratterizzato dalla presenza nei vasi di un deposito, per lo più giallastro, detto Lapacolo. Tale sostanza è soggetta a viraggi cromatici che possono essere collegati alle “macchie” lamentate dallo scrivente. Il colore verso cui vira il Lapacolo dipende dalle sostanze con cui viene...

30 risultati (pagina 1 di 3)