Assolegno risponde

Gli esperti al servizio del settore

    #Normativa   #Specie legnose   #Proprietà meccaniche   #Marcatura CE   #Materiali da costruzione  

    Vorrei chiedere un chiarimento sulla norma UNI 11035:2010

    La norma UNI 11035:2010, rispetto a quella del 2003, non riporta i valori caratteristici della S1. Su una vostra pubblicazione, in particolare "Appunti per le costruzioni in legno", viene precisato che su prove condotte dal CNR, la categoria S1 può essere associata a una C30 (ai fini di una valorizzazione delle specie italiane). E' presente una documentazione ufficiale? E' possibile farlo anche su legname già in opera?

    Risposta a cura di Marco Luchetti, Assolegno

    Pubblicato il 27/02/2021

    Nell’ottica di valorizzare il patrimonio boschivo nazionale e promuoverne l’utilizzo per la produzione di assortimenti ad uso strutturale, Assolegno nel 2015 ha commissionato ad IVALSA-CNR (Istituto per la valorizzazione del legno e delle specie arboree, adesso CNR IBE) apposita reportistica redatta in conformità agli standard europei (UNI EN 384 “Legno strutturale - Determinazione dei valori caratteristici delle proprietà meccaniche e della massa volumica” ) al fine di poter marcare CE (secondo la UNI EN 14081-1 “Strutture di legno - Legno strutturale con sezione rettangolare classificato secondo la resistenza - Parte 1: Requisiti generali” ) gli elementi massicci a sezione rettangolare con classi di resistenza più prestazionali rispetto a quelle specificate nella normativa corrente (UNI EN 1912 “Legno strutturale - Classi di resistenza - Assegnazione delle categorie visuali e delle specie” ).

    Tale reportistica redatta secondo la EN 384 e offerta alle segherie associate alla Federazione, offre la possibilità di attribuire alle seguenti specie le attribuzioni indicate di seguito (oltre naturalmente a quelle presenti all'interno della Normativa corrente):

    • Castagno / Italia: C30 (corrispondenza con la categoria “S” della UNI EN 14081-1);
    • Abete rosso e Abete bianco / Italia: C30 (corrispondenza con la categoria “S1” della UNI 11035-2);
    • Douglasia / Italia: C24 (corrispondenza con la categoria “S2&better” della UNI 11035-2);

    Infine in considerazione della campagna prove eseguita ai fini della caratterizzazione meccanica di cui sopra, riserverei le attribuzioni S1/C30; S/C30 e "S2&better"/C24 al solo materiale nuovo (escludendo quindi l'attività di diagnosi dell'esistente).